Natale 2012 : pesce che puzza sotto l’albero

Gamberi al mercato di Valencia (foto: A. Corbino, 2011)

Anche questo Natale si è riproposto l’annoso tema delle truffe sui prodotti alimentari ai danni dei consumatori. Di seguito riporto due articoli su recenti truffe alimentari aventi ad oggetto il pescato: a) 5 pescivendoli denunciati nel salernitano perchè vendevano come fresco pesce congelato (http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/salerno/notizie/cronaca/2011/30-dicembre-2011/pesce-congelato-venduto-come-frescosequestri-denunce-salernitano-1902703686247.shtml); b) a Bari, in un’azienda di lavorazioni ittiche, i carabinieri del NAS   hanno sequestrato 7 quintali di anguille vive nonche’ le 4 vasche dove gli animali erano contenuti, prive dei requisiti igienico-sanitari ed amministrativi previsti (http://www.ilcorrieredisicilia.it/flash/sequestri-pesce-50-tonnellate-e-200mila-giochi).

Le truffe non si concentrano solo nel periodo delle feste, ma sono una costante (additivi alimentari nel pesce, etichette ingannevoli,..). E’ quanto si può leggere sulle riviste tecniche (es: EuroFishmarket) o più generaliste (es: Altroconsumo). Ma di certo non si può pretendere che tali riviste siano lette dal consumatore medio.

Pertanto ritengo che il lavoro di controllo e repressione che ASL, NAS, Finanzieri, Forestali e Capitenerie fanno(a fatica) in questo campo non sia sufficiente e che quindi sia necessario affiancarvi una grande opera di prevenzione. Lo sviluppo sostenibile è un circuito virtuoso in cui ogni attore economico (dal governo al consumatore) fa la propria parte in maniera responsabile. La responsabilità ha bisogno però di informazione: è per questo che ritengo che il MiPAAF, assieme alle Università che si occupano di produzioni alimentari e alle Associazioni di produttori, dovrebbero lanciare una massiccia campagna di informazione per insegnare ai consumatori come scegliere i prodotti di qualità e difendersi dalla truffe alimentari. Con un buon coordinamento, l’operazione potrebbe avere anche costi minimi: difatti i progetti di informazione potrebbero essere il frutto di project work degli studenti universitari, magari proponendo degli specifici accordi tra facoltà diverse (es.: scienze della comunicazione + biologia produzioni marine) e lasciando che la fantasia e le competenze dei giovani facciano il resto. Ma forse questo è chiedere troppo alla farraginosa macchina burocratica italiana…il tutto a discapito dell’esperienza degli studenti e delle tasche e della salute dei consumatori che pagano le tasse sulle quali si reggono anche le università e i Ministeri.

Crostacei al mercato di Valencia (foto: A. Corbino, 2012)

Crostacei con etichette varie al mercato di Valencia (foto: A. Corbino, 2011)

Spero che qualcuno raccolga questo mio banale appello e capisca che un’Italia migliore si costruisce non solo con la fedeltà fiscale dei cittadini ma che, anzi, la stessa fedeltà fiscale è direttamaente proporzionale a quanto cittadini, studenti e consumatori sentono vicine le istituzioni.  Il miglior capitale per uno Stato è di 2 tipi: il capitale sociale e la fiducia che nello Stato ripongono i cittadini; e sono probabilmente anche i più difficili da costruire. Il progetto appena suggerito potrebbe costituire un minuscolo passo in tal senso. Senza contare che gli studenti hann bisgono di uscire dalle aule universitarie e fare pratica, incontrare il mondo esterno dei professionisti, delle aziende, e delle istituzioni. Anche in questo caso, il progetto, da me proposto nell’ambito di una più ampia convenzione tra UNINA e API (Ass. Piscicoltori Italiani) un anno fa, da me annunciato in aula ma poi rimasto lettera morta (misteri della burocrazia), potrebbe rappresentare un piccolo segnale positivo per gli studenti più meritevoli. AC

Annunci

Informazioni su albertocorbino

Alberto Corbino è l'autore dei blogs: http://labuonaeconomia.wordpress.com ; http://ventanillas.wordpress.com ; http://italiain3b.wordpress.com https://edabpm.wordpress.com . Per ulteriori info, visitare la pagina: "l'autore di questo blog"
Questa voce è stata pubblicata in news, ricerca e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...